Paola Natalicchio con Bepi Maralfa e Gianni Porta infiamma il popolo del centrosinistra

“Finalmente l’unità del centrosinistra di Molfetta è una realtà e questo rappresenterà il valore aggiunto che ci consentirà di tornare al governo della città”.

Con queste parole Paola Natalicchio ha aperto la conferenza stampa svoltasi nella serata di ieri e trasformatasi ben presto in un vero e proprio bagno di folla. E’ stato incontenibile, infatti, l’entusiasmo delle tantissime persone che sono accorse dinanzi al Comitato Elettorale di Corso Umberto n. 105 per vedere, finalmente, sullo stesso palco Paola Natalicchio, Bepi Maralfa e Gianni Porta dopo l’accordo politico e programmatico siglato nelle scorse ore in vista del ballottaggio del 9 e 10 giugno prossimi

“Ci sono voluti pochi minuti, giovedì sera – ha chiarito Gianni Porta di Rifondazione Comunista – per incrociare i nostri sguardi e trovare una profonda comunione di intenti che non poteva avere altro sbocco se non la costruzione di un percorso condiviso tra le nostre comunità. Ora tocca al popolo democratico di questa città fare il resto, dando un forte segnale di cambiamento attraverso una grande mobilitazione di energie che possa consentire a Molfetta di avere un’amministrazione comunale radicalmente alternativa rispetto a quella fallimentare che ci mettiamo alle spalle e che possa affermare un nuovo modello di sviluppo. L’entusiasmo di questa sera è certamente un segnale molto incoraggiante. Abbiamo marciato separati al primo turno, per poter colpire uniti ora”.

“In queste settimane di campagna elettorale – ha aggiunto Bepi Maralfa, sostenuto al primo turno dalle liste Linea Diritta e Rinnovazione – abbiamo avuto modo di confrontare i nostri programmi e le nostre idee, anche nel corso dei dibattiti pubblici che si sono tenuti nei giorni scorsi, e abbiamo potuto verificare concretamente come le nostre piattaforme fossero in larghissima parte identiche. Al primo turno abbiamo ottimizzato il risultato elettorale che ciascuno di noi poteva conseguire andando da solo, ora è il momento di unire le nostre forze per mandare a casa chi ha mal governato la città in questi anni. Con il rigore e l’esperienza politica di Gianni, da un lato, e con la passione, l’entusiasmo, la capacità di immaginare il futuro della nostra città di Paola, dall’altro, questo risultato è davvero possibile. Sconfiggeremo chi in questi giorni, in queste ore, sta adoperando i soliti vili metodi per la raccattare consenso. E’ un’occasione che Molfetta non può lasciarsi sfuggire”.

“Sono molto grata a Gianni e Bepi – ha dichiarato, poi, Paola Natalicchio – per la loro scelta coraggiosa, per aver voluto costruire insieme questo patto civico e politico tra partiti e movimenti espressione della società civile, un patto che rappresenta un esempio di buona politica. La nostra coalizione si arricchisce delle esperienze, delle competenze, delle passioni di forze politiche e sociali che hanno dimostrato di saper interpretare il desiderio di cambiamento che, con forza sempre crescente, emerge in città. Ora è il momento di convogliare tutte queste energie in un’unica proposta politica e programmatica che possa davvero rappresentare un’alternativa valida e credibile al centrodestra e ai suoi fallimenti. Legalità, trasparenza, partecipazione, maggiori servizi, mobilità sostenibile, sviluppo, tutela del territorio: sono questi i capisaldi del progetto politico sul quale chiediamo la fiducia dei cittadini. Siamo consapevoli della grande responsabilità che ci assumiamo dinanzi a questa piazza gremita e, più in generale, dinanzi a una intera comunità, una responsabilità che sapremo interpretare con serietà, competenza e passione. Ma se penso ai tanti episodi turpi di condizionamento del voto dei cittadini che ci hanno raccontato in questi giorni e che abbiamo anche denunciato alle autorità competenti, dico che non intendiamo vincere con tutti i mezzi. No, noi certi metodi di raccolta del consenso li rifiutiamo e mi appello a tutti perché facciano altrettanto. Noi vinceremo facendo ricorso ai nostri mezzi, gli unici che conosciamo: le idee, i programmi di cambiamento e la grande mobilitazione popolare che ci sta accompagnando in questi giorni. Il vento del cambiamento spira sempre più forte. La nuova Molfetta è davvero ad un passo”.

Questa mattina, inoltre, è stato siglato presso l’Ufficio Elettorale del Comune di Molfetta l’apparentamento formale tra Rifondazione Comunista e la coalizione a sostegno di Paola Natalicchio. “Un passaggio molto importante – hanno commentato la stessa Natalicchio e Gianni Porta – per la costruzione di un centrosinistra più forte, capace di interpretare le istanze che provengono dai cittadini al fine di tradurle, ogni giorno, in concrete pratiche di governo”.