Paola Natalicchio: “Continuiamo anche al ballottaggio la nostra sfida per il cambiamento radicale”

Il dato delle urne è chiaro: siamo al ballottaggio. La vittoria al primo turno del centrodestra che ai nostri avversari politici sembrava così scontata è definitivamente sfumata. Ringrazio uno ad uno tutti gli elettori che hanno espresso fiducia in questa candidatura, tra cui molti elettori di centrodestra evidentemente delusi dal decennale malgoverno azzolliniano.

Sono proprio loro che hanno bocciato, per contro, la candidatura di Ninnì Camporeale che si attesta ben al di sotto delle liste a suo sostegno.

Adesso la strada è una sola: rilanciare il progetto di cambiamento radicale che abbiamo proposto in questi mesi alla città, immaginando subito un dialogo aperto con le forze che anche fuori dalla nostra coalizione hanno saputo interpretarlo. In particolare, mi sembra importante per la città il risultato ottenuto da Bepi Maralfa che in questi mesi ha saputo rappresentare al meglio quelle energie pulite della società civile molfettese con le quali riteniamo di doverci confrontare sin da subito. Già domani incontrerò Bepi per immaginare un percorso comune che possa restituire a Molfetta la speranza di un futuro prossimo basato sulla legalità, la trasparenza e la partecipazione.

E' importante anche il risultato ottenuto da Rifondazione comunista che in questi anni ha saputo affrontare con competenza e rigore le battaglie più difficili sui temi delle politiche del lavoro e del potenziamento delle politiche sociali. Ritengo anche fondamentale recuperare nei prossimi giorni un costruttivo dialogo con il Movimento 5 stelle di Molfetta che ha saputo essere in questi mesi coscienza critica di questa campagna elettorale. Escludo, invece, alleanze possibili con l'UDC di Pino Amato, nella convinzione che la città ora più che mai ha bisogno di chiarezza e certezze di governo. Continueremo con fiducia la nostra campagna elettorale, certi che ormai Molfetta è a un passo dal traguardo di un cambiamento possibile.